Le opinioni di ASSORPAS sulle future modifiche normative

Pubblichiamo il testo del comunicato letto oggi pomeriggio dal consigliere Luigi Contin alla Roma Drone Conference 2019.

In un segmento di mercato fortemente normato, come nel caso del settore degli APR, sia che si tratti di vendite di mezzi che di servizi, le regole e la loro stabilità fanno spesso la differenza.
È questo il motivo per cui oggi intendiamo soffermarci sulle novità regolamentari in fase di introduzione a livello europeo e nazionale, che ci spingono  a fare una serie di considerazioni sui principi che sembrano essere alla base delle scelte di EASA.

La prima impressione è che al fondo di queste scelte ci sia una tendenza alla deregolamentazione, che senz’altro produrrà un incremento delle vendite di mezzi consumer, forse però sottovalutandone le conseguenze sulla  sicurezza del volo, del terzo sorvolato e degli altri utenti dello spazio aereo.
Leggendo tra le righe del futuro regolamento EASA, ad esempio, sembra che la formazione e la cultura della sicurezza del volo, concetti alla base del fattore umano e della “safety”, oltre che della concreta verifica della capacità di pilotaggio, avranno un peso immensamente inferiore rispetto a quanto oggi accade nei paesi europei (tra cui l’Italia) in cui l’utilizzo degli APR è capillarmente diffuso e porteranno alla riduzione o all’eliminazione dei presidi di addestramento e safety che sono stati attivati considerando le specificità di questi paesi, in termini di densità di popolazione, industrializzazione del territorio, estensione degli spazi aerei controllati e molto altro.

Continue reading