Regolamento ENAC: dieci domande al dott. Badagliacca del Centro AME di Gioia del Colle

Buongiorno Dott. Badagliacca, il nuovo Regolamento ENAC stabilisce per i piloti di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto di peso al decollo inferiore ai 25 Kg in condizioni di VLOS l’obbligo di certificato medico LAPL, differente dalla visita medica di seconda classe prevista sino al 17 Settembre 2015.

1. Cosa cambia sostanzialmente?
Sino ad oggi era richiesta una idoneità sanitaria di Classe 2 che abilita alla idoneità di alcuni aeromobili tradizionali, con l’entrata in vigore del nuovo regolamento ENAC per SAPR viene riconosciuta la Classe di idoneità LAPL (Light Aircraft Pilot Licence), cioè la stessa prevista pilotare velivoli inferiori a 2000 Kg e con max 4 passeggeri; questa classe prima dell’8 aprile 2015 non era applicabile in Italia. A questo aggiungerei che oltre all’impiego del drone in condizioni VLOS (Visual Line of Sight) il nuovo Regolamento prevede l’impiego in condizioni BLOS (Beyond Line Of Sight), condizione che non consente al pilota di rimanere in contatto visivo e costante con il mezzo aereo, in questo caso è necessario il conseguimento della certificazione sanitaria di Classe 3, la stessa prevista per i CTA (Controllori del Traffico Aereo) con requisiti psico-fisici e scadenza più restrittiva rispetto ai LAPL.

2. Le tempistiche di rinnovo saranno analoghe?
Le tempistiche LAPL rispetto alla Classe 2 cambiano nella periodicità del rinnovo della idoneità sanitaria; infatti, abbiamo per i LAPL una validità del certificato di 60 mesi sino a 40 anni e dopo tale età è di 24 mesi.

3. Coloro che hanno ottenuto una certificazione medica di seconda classe cosa dovranno fare pertanto?
Non dovranno fare nulla, sono idonei anche per la Classe LAPL ed alla scadenza il certificato successivo sarà con idoneità LAPL.

4. Quali disabilità rimangono precluse, quali sono le eventuali prescrizioni?
Le disabilità che possono precludere il conseguimento della classe LAPL deve essere valutate di volta in volta in base alla storia clinica ed alle capacità per il richiedente di svolgere i propri compiti in sicurezza. La valutazione iniziale viene effettuata sulla base delle migliori pratiche di medicina aeronautica ed il tutto in conformità a quanto riportato dall’Annesso IV – AMC-GM del Reg. UE 1178 del 2011.

5. I portatori di pacemaker possono essere abilitati?
I portatori di pacemaker possono conseguire l’idoneità LAPL solo dopo valutazione cardiologica completa.

6. In caso di ipertensione, quali sono i limiti oltre i quali non si è abili?
Sono da considerarsi non idonei i richiedenti con una pressione arteriosa di 160/95 mmHg.

7. In caso di diabete, rimane preclusa, limiti?
In caso di diabete mellito tipo 2 (anche se in trattamento con insulina o antidiabetici orali) deve essere valutata attentamente la condizione clinica del richiedente in funzione del compenso metabolico; a tale proposito potrebbero essere necessari approfondimenti diagnostici per esprimere il giudizio di idoneità e le relative limitazioni da assegnare se necessarie.

8. In caso di epatite C rimane preclusa, limiti?
Anche nel caso di epatite C, in analogia ad altre patologie infettive o meno del fegato, è indispensabile la valutazione delle condizioni cliniche generali (compenso metabolico, patologie correlate, ecc) che sono fondamentali per esprimere il giudizio di idoneità con o senza le limitazioni previste. Come ho già detto la valutazione deve essere effettuata sulla base delle migliori pratiche di medicina aeronautica per consentire lo svolgimento in sicurezza dei compiti assegnati al pilota. Per i sistemi aeromobili a pilotaggio remoto di peso al decollo superiore ai 25 Kg e fino a 150 Kg oppure per operazioni in BLOS è invece necessario un certificato medico di terza classe. Certamente, come già accennato il certificato medico di Classe terza segue le regole già previste per il personale CTA e FIS di ENAV ed ha indicazioni solo per chi consegue la qualifica per operazioni in BLOS.

9. Quali visite sarà necessario effettuare per poter ottenere tale idoneità?
Per l’idoneità Classe 3 sono necessari esami che vanno ad integrare quelli già previsti per i LAPL e che rispettano una tempistica differente nel rinnovo della idoneità, ma che si possono effettuare presso i medici AME.

10. Coloro che hanno ottenuto una certificazione medica di seconda classe cosa dovranno fare pertanto? Saranno automaticamente riconosciuti o dovranno sostenere visite supplementari o addirittura ripetere l’esame medico?
Chi ha eseguito una certificazione Classe 2 non deve fare nulla, è automaticamente riconosciuto idoneo per la Classe LAPL ed alla scadenza prevista del certificato dovrà rinnovarlo con le modalità LAPL.


Francesco Badagliacca è Medico Autorizzato (AME) con N. IT-1093–AME dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) per il rilascio dell’ idoneità psicofisica di Classe Seconda, Classe Terza, Cabin Crew e personale di volo

Intervista a cura di Michele Fazio

Leave a Reply