Perché DiB sostiene MOAS

DiB-youtubeUno degli aspetti più trascurati quando si descrivono gli effetti dei droni sul nostro modo di vivere è relativo alle loro ricadute in ambito sociale. Le tecnologie, come si sa, non sono né buone né cattive: sono le persone e il loro modo di interpretarle che danno loro un senso.
Il tema dell'impatto (o meglio, del bilancio) sociale dei droni può essere interpretato in diverse maniere. Se ne può valutare ad esempio la capacità di creare valore in senso lato (dall'innovazione tecnologica alla creazione di occupazione) o ragionare sulle applicazioni che determinano vantaggi diretti ed immediati per le persone.
A questa seconda categoria ci sembra appartenere l'uso che ne fa il MOAS, che li utilizza nell'ambito delle attività di search and rescue dei migranti in mare.
Di seguito un testo che ne descrive brevemente storia ed attività.

Migrant Offshore Aid Station (MOAS) è un’organizzazione internazionale specializzata nella ricerca e soccorso in mare per i migranti. MOAS e’ stata fondata dagli imprenditori Christopher e Regina Catrambone (americano lui, di Reggio Calabria lei) che hanno deciso di non rimanere indifferente di fronte alla crisi umanitaria nel Mediterraneo.
Da quando ha lanciato la prima operazione nel 2014, MOAS ha salvato la vita a quasi 12.000 persone.
L’organizzazione ha finora operato a bordo della Phoenix, un vascello di 40 metri equipaggiato di due gommoni a scafo rigido, due droni della Schiebel camcopter, un team di soccorritori professionisti, medici e paramedici.
Dal dicembre 2015, MOAS opera nel Mare Egeo a bordo di Responder, una seconda nave di 51 metri, dotata di due vascelli veloci. Nel 2016, oltre alla missione di salvataggio nel Mediterraneo centrale, MOAS prevede l’avvio di un’azione umanitaria anche nel Golfo del Bengala.

bg-4Il MOAS contribuisce a Drone It Better con un intervento registrato di Regina Catambrone e, anche in considerazione della gratuità della manifestazione di Palermo, desideriamo sostenerlo invitando tutti i partecipanti a fare una donazione, anche minima, per contribuire alle loro attività.
Chi fosse interessato, troverà tutte le indicazioni necessarie alla pagina: http://www.moas.eu/it/donate/

Per sostenere la missione umanitaria nel lungo periodo, MOAS ha bisogno del tuo aiuto.

FOOTER-NEWS

 

Leave a Reply